giovedì 28 aprile 2011

Bombe o non bombe ? Arriveremo a ...

Cambia (?!!!) il  prediletto del premier, superata la fase di innamoramento verso Mu'ammar Gheddafi adesso il suo cuore "batte" solo per Nicolas Sarkozy.
Il sobrio presidente francese esprime apprezzamenti per il collega italiano, che si esibisce in una fantasiosa disamina sulle bombe: «Ho detto e ripeto che non bombarderemo, nel senso che non useremo le bombe cluster, a grappolo, quelle cioè che colpiscono anche i civili. Faremo solo pochi interventi con missili mirati, che colpiscono esattamente gli obiettivi».
Magari con la scritta ...

Questa dichiarazione provoca la reazione di Bossi e rende necessaria un incontro, che si terrà a breve, tra il premier, a sinistra con la classica giacca azzurra, e il fido alleato, a destra nella classica "divisa" verde, sullo spinoso problema delle bombe in Libia. Sarà, per l'occasione, utilizzato un metodo innovativo  per superare il disaccordo manifestato dal leghista che va al di là della "semplice" classificazione tra «guerra» e «intervento su obiettivi militari».

Di una cosa sono certo. Tra i due "litiganti" il terzo, alla faccia dell'art. 11, gode ...

5 commenti:

  1. sicuramente l'ultimo gode di sicuro!

    RispondiElimina
  2. @Ernest scommettiamo che alla fine godranno tutti e tre ?

    Bossi in cambio del salvataggio della quasi Parmala(c)t(alis), al momento non riuscito con l'azione di Tremonti, non farà un "torto" al Berlusca ...

    RispondiElimina
  3. il cuore di berlusconi batte da sempre, per i suoi interessi. come abbiamo visto anche nelle sue recenti dichiarazioni sul nucleare, di cosa pensano (e vogliono) gli altri, gli interessa ben poco

    RispondiElimina
  4. Vediamo se funziona..

    RispondiElimina
  5. Sembra tutto OK.

    RispondiElimina

Non vale la pena avere la libertà se questo non implica avere la libertà di sbagliare. (Gandhi)
Quindi assumetevi liberamente la responsabilità di sbagliare, ma civilmente.